La Storia – Serie B!

LA NOSTRA STORIA SPORTIVA

Nata dalle ceneri delle gloriose Cave Sannite la Magic Team ’92 ha saputo svilupparsi come fucina di giovani talenti, lanciando alcuni dei migliori prospetti della pallacanestro beneventana. Partita con grande umiltà dalle categorie minori e sopraggiunta nel gotha della pallacanestro nazionale.
Dedizione, lungimiranza e spirito di sacrificio hanno sempre contraddistinto il modo di fare, non solo sportivo, dei nostri “addetti ai lavori”. Forgiando quel “marchio di fabbrica” che ha portato alla vittoria di quattro campionati consecutivi (attuale record regionale, ad un passo dal record nazionale di promozioni consecutive) dal campionato regionale di Promozione targato 2006 al più recente trionfo nella C nazionale, proiettando cosi Benevento e la sua provincia in B nazionale, dopo un’assenza ultradecennale.
Un traguardo storico, ottenuto unicamente grazie al lavoro duro di tutti gli interpreti, a partire dal Presidente Domenico (Mimmo) Di Nunzio, fino all’ultimo dei magazzinieri, passando per la sviluppata area tecnica.

Nel 2015, dopo anni di campionati da protagonista indiscussa, la Magic Team ’92 rinuncia ufficialmente alla disputa del campionato di serie C Regionale maschile (ex C nazionale) non condivedendo la nuova formula del campionato che di fatto ha comportato una retrocessione, non avvenuta sul campo, oltre ad una cervellotica formula per eventuale promozione in serie B con successivi aggravi di spese per l’integrazione del costo dei parametri.

Ma la rinuncia non compromette la continuazione e la crescita del settore giovanile, che continua a regalare gioie ed ottimi risultati, come le recenti Final-Four centrate per due anni consecutivi dalla formazione under 17 e 18 (classi ’98-’99) e la conquista della fase regionale dei giovanissimi under 13 al Join The Game 2017 (3vs3).

 

Magic Team BENEVENTO NELLA STORIA: LA SERIE B E' TUA

SerieBVittoria in gara 3 in casa della Luiss Roma. La compagine sannita allenata da coach Bruno Annecchiarico centra la sua quarta promozione in quattro anni.

C’è una squadra a Benevento che può festeggiare la conquista della serie B, è la squadra di basket che ieri sera al termine di gara 3 della finale playoff supera la corazzata Luiss sul proprio campo è conquista una promozione meritatissima.

Nessuno, all’inizio di questa stagione, ci credeva, l’obiettivo della società era quello di una tranquilla salvezza con la possibilità di fare esperienza in un campionato come quello della seria C1, difficilissimo dal punto di vista tecnico e dal punto di vista organizzativo, ma alla fine contro tutti i pronostici, superando tutti gli ostacoli l’impresa è stata compiuta.

Un impresa che è tutta merito di un gruppo di atleti eccezionale, di un allenatore che ha fatto dell’amore per lo sport e dello spirito di sacrificio la sua missione e dei dirigenti che pur operando fra mille difficoltà sono rimasta sempre unita grazie all’immensa passione per la pallacanestro.

festeggiamento_CampoIl sogno della serie B si concretizza in una piovosa serata di inizio giugno, in un palazzetto gremito con tantissimi tifosi sia della Luiss che di Benevento che non hanno mai cessato di far mancare il loro sostegno ai protagonisti della partita.

La gara si è chiusa sul 67-78 per la Coim che al di la dei primi due minuti, è sempre stata avanti nel punteggio, meritando ampiamente la vittoria, così come riconosciuto a fine gara anche dagli avversari.

Dopo una partenza sprint dei romani che hanno piazzato un break di 9 a 0 i sanniti si sono subito ricompattati in difesa frenando l’entusiasmo degli avversari. In attacco grazie a tre bombe consecutive di Simone Murtas la Coim ha subito ricucito lo strappo, portandosi sul 12-11.
Benevento, da li in poi, ha messo in campo un’intensità difensiva che ha sorpreso la truppa di Polesello, incapace di organizzare un gioco offensivo in grado di scardinarla.
Dopo la striscia di punti di Murtas è stato sopratutto Credendino a mettere la firma sul primo allungo importante dei sanniti.

festeggiamento_CampoLa guardia nativa di Benevento, infatti, compie 4 anticipi consecutivi, due tramutati in schiacciate solitarie che fanno esplodere i tifosi beneventani (12-20).
Conquistato il vantaggio i sanniti hanno preso il controllo del match senza più perderlo.
Con la sapiente regia del playmaker Gabrielli, la Coim ha sfruttato la bravura nell’area pitturata di Piscitelli e Parlato ed ha chiuso sul +12 la prima frazione di gioco.

Nel secondo quarto la Luiss cerca di rientrare in partita ma Annecchiarico sfrutta bene la sua panchina con Vani e Mariani subito incisivi in attacco e Tomassoni bravo a tenere a bada in difesa il pericoloso Giambene.
La Coim trova il massimo vantaggio sul 21-35 con un Credendino che in trance agonistica fa ammattire la difesa romana ed un Piscitelli chirurgico nel trovare la via del canestro nell’area pitturata.
Il tutto, però, parte sempre da una grande difesa, in cui spicca soprattutto Parlato, autore di alcune giocate fondamentali. Prima dell’intervallo lungo la Luiss si rifà sotto grazie ai canestri di Urcioli e Spizzichini e chiude la prima metà di gara sul 33-41.

Nella ripresa tutti si attendono il recupero degli universitari, ed infatti i ragazzi guidati da Polesello arrivano fino al -5 ma ancora una volta Benevento reagisce da grande squadra ritrovando subito la doppia cifra di vantaggio con Parlato che piazza due bombe in faccia alla difesa avversaria. Il terzo quarto si chiude sul +11 Coim.

Negli ultimi dieci minuti di gioco inutili sono i tentativi di rimonta di Selle e compagni, la Coim con un Gabrielli lucidissimo ha la partita sempre in controllo, due penetrazioni di Murtas e la lucidità dalla lunetta di Credendino, Parlato e Gabrielli tengono sempre a distanza di sicurezza la Luiss.
Tutti gli atleti messi in campo da Annecchiarico contribuiscono, sia in attacco che in difesa, al completamento di un autentico capolavoro.
Il punteggio finale di 69 a 78 è la sintesi di una vittoria sudata ma assolutamente meritata da parte dei nuovi gladiatori sanniti.
Al suono dell’ultima sirena la festa può cominciare con l’invasione del parquet dei tifosi giunti da Benevento che cercano l’abbraccio con i loro beniamini esausti, distrutti dalla stanchezza ma felicissimi per il traguardo raggiunto.

Grazie alla Magic Team 92 dopo oltre quindici anni Benevento ritorna nel basket che conta.
Ed oggi come allora protagonista assoluto delle imprese della Benevento cestistica è il Coach Bruno Annecchiarico che a fine gara, commosso, ha espresso il suo ringraziamento alla società, ai tifosi ma soprattutto ai giocatori che lo hanno seguito fino alla fine in tutti i suoi insegnamenti.
Un ringraziamento particolare l’allenatore beneventano, giunto al suo undicesimo campionato vinto in carriera, ha inteso farlo al capitano della squadra Rocco Catillo, protagonista insieme a lui di tutte e quattro le promozioni, il suo grande spirito di sacrificio, durante tutto l’arco di una stagione lunghissima, ha dato un apporto fondamentale per il raggiungimento di questo prestigioso traguardo.

La festa dei sanniti è proseguita durante tutto il viaggio di ritorno verso Benevento con tifosi e giocatori insieme nello stesso pullman. Con grandissima gioia Benevento nel basket festeggia la conquista della serie B.

Tabellino:
Luiss ROMA – Magic Team ’92 Benevento 67 – 78
PARZIALI: 14-26, 33-41, 50-61

LUISS ROMA: Bernardini 2, Giambene 2, Selle 19, Leombroni ne, Urciuoli 14, Baldrati, Spizzichini 12, Adinolfi, Lucci 5, Conti 13. All. Polesello.

Magic Team ’92 BENEVENTO: Credendino 24, Gabrielli 8, Piscitelli 10, Vani 7, Murtas 15, Catillo ne, Mariani 4, Tomaciello ne, Tomassoni, Parlato 10. All. Annecchiarico.


BENEVENTO HA UNA SQUADRA MAGICA!


Terza promozione consecutiva per la Coim Magic Team Benevento: per la squadra di basket sannita, con la vittoria sul Torre del Greco, è arrivato il traguardo della serie C Dilettanti.

Una favola iniziata grazie alla passione di un gruppo di vecchi amici cresciuti a pane e pallacanestro, attorno alla Colonia elioterapica del rione ferrovia di Benevento. L’avventura, partita dal campionato di Promozione, nella stagione 2006-2007 e poi proseguita lo scorso anno con il campionato di Serie D, si è conclusa con la vittoria per 2 a 0 nei Play-off del campionato di Serie C regionale contro il Torre del Greco e il raggiungimento del traguardo della Serie C Dilettanti, campionato di rilevanza nazionale.

Al termine di una stagione lunghissima, iniziata nel mese di agosto del 2008 e terminata il 21 maggara 1 finale 2009gio 2009, dopo ben 35 partite, di cui ben 28 vinte, gli atleti beneventani sono riusciti a realizzare un autentico miracolo sportivo. In gara 1 della finale Play-off contro Torre del Greco, in un Palasannio affollatissimo, come non si vedeva da oltre dieci anni, i sanniti si sono imposti per 61-54. Il 21 maggio scorso, poi, i ragazzi di coach Annecchiarico e del Presidente Dott. Mimmo Di Nunzio, hanno compiuto un autentico capolavoro tecnico tattico, vincendo in trasferta con il punteggio di 60 – 69 gara 2, chiudendo la serie.

La partita si è mantenuta in equilibrio per i primi 2 quarti, con dominio delle difese, e con la tensione dipinta sul volto degli atleti presenti sul parquet. All’intervallo lungo il punteggio vedeva la squadra ospite avanti di solo 4 punti, sul 33 a 37. Nel terzo quarto, la compagine di Annecchiarico, cha aveva fatto riposare per buona parte del secondo quarto 3/5 del suo quintetto base, piazza il break decisivo. Gli atleti sanniti, infatti, ritrovano il giusto equilibrio anche in attacco oltre alla solita difesa di ferro e riescono a chiudere la terza frazione sul punteggio di 42 a 54. Negli ultimi dieci minuti dell’incontro, la squadra beneventana, dopo aver avuto anche 15 punti di vantaggio, riesce, a rintuzzare tutti i tentativi disperati di rimonta della squadra corallina, mantenendo la freddezza nei tiri liberi e difendendo alla morte fino alla fine.

Al suono della sirena, è incominciata la festa sul campo del delusissimo ma correttissimo pubblico di Torre del Greco, con gli abbracci tra tutti gli atleti, il coach e il gruppo di tifosi venuti sin da Benevento. La gioia negli occhi di tutti era il segno di un’impresa eccezionale, alla fine di una stagione caratterizzata da enormi sacrifici sopportati da tutti i protagonisti, dagli atleti e dall’allenatore, proseguendo con i dirigenti della società, per poi finire con i familiari ed i tifosi. La festa è proseguita al ritorno in città della squadra, che è stata accolta dal contentissimo ed orgoglioso presidente, Dott. Mimmo Di Nunzio, non presente all’incontro per mera scaramanzia, (d’altro canto siamo pur sempre nella terra delle Streghe).

FINALE SERIE C REGIONALE 2009E’ stato proprio lo spirito di sacrificio, soprattutto degli atleti e dell’allenatore, che sono riusciti a sostenere il ritmo di una stagione fatta di ben 5 allenamenti alla settimana, cosa impensabile in un campionato comunque ancora non professionistico, a caratterizzare il risultato raggiunto. Una stagione, questa della Magic Team partita in sordina, senza grossi proclami, come è normale per una matricola. Sin dalle prime partite ufficiali, però, si è visto subito che il progetto realizzato dalla società (un gruppo fatto di tutti atleti locali, con l’aggiunta di 3 argentini), poteva andare lontano. Ed infatti la squadra beneventana ha giocato l’intero campionato con l’autorità di una veterana, andando ad un passo dal risultato clamoroso della promozione diretta, restando in testa alla classifica della regular season fino alla penultima giornata, rischiando di rovinare tutto con una sfortunatissima sconfitta sul campo del Senise.

La Magic Team ha chiuso il campionato al secondo posto, dietro la corazzata Giugliano (Na), che schierava tra le sue fila anche un atleta statunitense, autentico extraterrestre per il livello del campionato, ma che è stata in ogni caso sconfitta dalla squadra beneventana, in quella che è stata forse la partita più bella dell’anno. La compagine di Annecchiarico ha poi affrontato i play off da testa di serie n.1 con una pressione enorme sulle spalle, superando tutti gli ostacoli verso un risultato veramente eccezionale.Squadra

E’ doveroso ricordare tutti i protagonisti di questa avventura: gli atleti Pietro Iarriccio, Armando De Gregorio, Rodrigo Borghetti, Luciano Mussini, Fabiano Romano, Cesare Accettola, Rocco Catillo, Guillermo Ates, Luca Nardone, Francesco Nardone, Carlo Forni, Antonio Vozzella e Alberto Mirra, l’allenatore Bruno Annecchiarico, il presidente Di Nunzio, i dirigenti Antonio D’Anna, Domenico Consolazio, Angelo Nardone e Gabriella Coscia, e le portafortuna della squadra, le tre donne di coach Annecchiarico, la moglie Lina, la primogenita Valeria e la piccola Giorgia, che non hanno mai fatto mancare il loro sostegno, insieme ad un’altra tifosa d’eccezione, la nostra amica Carla.