TERZO TEMPO. Intervista a Mattia Norcino

32

Mattia Norcino, play, classe 93, “nato” nella giovanile della Scandone Avellino, un anno hai giocato nel Delta Salerno. Da febbraio 2014 sei entrato a far parte della Magic Team Benevento. Quest’anno ti è stata riposta molta fiducia e un ruolo molto importante. Per come è andata fino ad adesso, era quello che ti aspettavi?

Sicuramente, per quanto riguarda la fiducia iniziale devo ringraziare la società e il mio ex coach Menduto, i quali hanno deciso di affidarmi un ruolo fondamentale quale quello di playmaker titolare. Poi da quando è arrivato coach Parrillo questa fiducia è stata confermata e per questo sono davvero felice. Se devo dire che sta andando come speravo, rispondo di no: si può sempre far meglio.

La partita in casa contro San Severo, non l’abbiamo ancora dimenticata. Tu più di tutti la ricorderai per la questione della tua espulsione allo schierarsi delle squadre al terzo quarto. La Magic ha sempre dimostrato di essere all’altezza dell’avversario, vedi Scafati persa per pochi punti o Sarno sconfitta ultimamente in casa. Ad aprile sarà previsto il ritorno contro la capolista San Severo, come prevedi questo match? È azzardato pensare ad un riscatto?

La partita con San Severo non la dimentico ma preferisco metterla da parte perché avrei troppe cose da dire. Per quanto riguarda noi, ci stiamo dimostrando all’altezza di tutti e dispiace aver buttato via qualche partita che ci avrebbe dato qualche punto in più in classifica. Nonostante ciò, non ho dubbi che andremo a San Severo a giocarci la nostra partita senza alcun timore, come del resto stavamo facendo già all’andata!

Mancano ancora 6 partite per la conclusione di questa prima fase. Pensi di avere la possibilità di dimostrare, ancora di più, le tue potenzialità e il tuo carattere?

Da quando ho iniziato a giocare non ho mai smesso di provarci. Credo che, visto il sistema italiano, in cui molte società preferiscono acquistare giocatori “di esperienza” piuttosto che ragazzi volenterosi di crescere, l’unico modo per affermarsi è quello di mettersi in mostra sia dal punto di vista tecnico che caratteriale, puntando sempre a migliorarsi.

 

Si ringrazia per la disponibilità Mattia Norcino.